Come gestire un incidente di pagamento bancario?

Ogni famiglia può trovarsi qualche volta  in difficoltà finanziarie. Con redditi più bassi e tutte le bollette che devono essere pagate ogni mese, a volte è difficile fare altrimenti. Un incidente di pagamento può verificarsi rapidamente. Come si può gestire? Cosa posso fare per evitare le spese bancarie?

Come può verificarsi un incidente di pagamento?

Nessuno è immune dai debiti, soprattutto con l’attuale aumento del costo della vita. I debiti possono accumularsi e causare incidenti di pagamento. Queste possono poi portare a cause civili. I casi di pagamento più frequenti sono i divieti bancari, i prelievi o i trasferimenti rifiutati e gli scoperti non autorizzati. Allo stesso modo, un assegno NSF viene automaticamente respinto dalla banca.

Se vi trovate di fronte ad un problema di pagamento, dovete essere consapevoli che la banca è obbligata ad informarvi almeno 14 giorni prima di addebitare le spese sostenute dall’incidente, in modo da avere il tempo di regolarizzare il problema. Molte organizzazioni bancarie non esitano a inviare una lettera d’informazione anche

prima che l’assegno venga respinto. La lettera spiega i mezzi che vi consentiranno di regolarizzare la vostra situazione e i rischi legati alla mancata regolarizzazione della vostra situazione. Il pagamento delle tasse può quindi essere evitato se l’incidente viene trattato rapidamente.

Come regolarizzare un incidente di pagamento?

Per regolarizzare un evento di pagamento è necessario un riapprovvigionamento del conto con una nuova presentazione dell’ordine di pagamento. È anche possibile pagare gli importi dovuti direttamente al creditore. Gli oneri generati dall’incidente del pagamento sono definiti dalla legge. Essi variano a seconda delle condizioni finanziarie di ogni singolo individuo. Per le persone con una situazione finanziaria stabile, le tasse sono ovviamente più alte. D’altra parte , chi si trova in una situazione di fragilità finanziaria beneficia in particolare di un’offerta bancaria specifica. Questa fragilità finanziaria è tuttavia definita da diversi criteri, ma in generale si fa riferimento a coloro che sono sovraindebitati. In tutti i casi, l’importo preciso generato dall’incidente sarà indicato nella lettera della banca. In caso di mancato pagamento, vi è il rischio di un procedimento civile e di un divieto bancario per 5 anni. Va notato che, al di là delle sanzioni finanziarie, un incidente di pagamento rischia di mettere a repentaglio i progetti futuri dei clienti. Ad esempio, non potranno accedere alle offerte di prestiti bancari.

Come gestire un incidente di pagamento?

L’ottimo metodo per limitare le spese bancarie causate da un incidente di pagamento è imparare a gestire bene il proprio bilancio per evitare di essere scoperti. È necessario prestare particolare attenzione alle spese quotidiane. Questo è essenziale per tenere traccia in modo dettagliato dei vostri flussi di cassa in entrata e in uscita e per poter aggirare le circostanze delicate. Al giorno d’oggi, tenere regolarmente traccia delle spese non è più un’impresa difficile grazie ai diversi strumenti di gestione del bilancio disponibili online.

Una situazione finanziaria critica è la prima sorgente di indebitamento. Quando comincia a venire a galla, cercate di limitare i prelievi bancari in modo da non dover pagare spese aggiuntive. Se le commissioni applicate dalla vostra banca sono abbastanza elevate rispetto ad altre, considerate la possibilità di cambiare banca. Quando vi trovate di fronte a una difficoltà finanziaria, è indispensabile informare la vostra banca in modo da poter trovare rapidamente una soluzione. E’ sempre meglio che lasciare che le circostanze si deteriorino.

Per evitare situazioni finanziarie critiche, si consiglia di risparmiare per anticipare i difficili fine mese. L’apparente facilità di credito rotativo è molto allettante. Ma nella maggior parte dei casi, questa soluzione non fa che aggravare il problema esistente.

Conto commerciale: in tal caso è obbligatorio?
Aprire un conto di risparmio online: quale offerta scegliere?