Financial Polis: il Primo Global Network per la Finanza e la Consulenza ad utilizzare l' innovativo sistema di Open Practise
Financial Polis- prestito,investimenti
ADD ME Facebook Viadeo Twitter xing MySpace Netlog        HOME | UFFICI | CONTATTACI | LAVORA CON NOI | AREA RISERVATA | STRUTTURA NETWORK | LINK EXCHANGE | MAPPA DEL SITO
Skip Navigation Links
--- FINANCIAL POLIS ---
CREDITO PER PRIVATI
- Mutui    
- Cessione del V
- Mutuo con garanzia
- Mutuo d'investimento
- Mutuo sposi
- Prestiti
- Carte Revolving
- Consolidamento debiti
- Mutuo liquidità
- Mutuo surroga
- Mutuo sostituzione più liquidità
- Mutuo consolidamento debiti
- Prestito ipotecario vitalizio
- Prestito personale fiduciario
- Prestito personale ipotecario
- Delegazione di pagamento
- Prestito ai pensionati
CREDITO PER AZIENDE
- Finanziamenti agricoli
- Lettere di credito
- Leasing
- Noleggio a lungo termine
- Finanziamenti a breve termine
- Finanziamenti a medio-lungo termine
- Finanziamenti linea agricoltura
- Nolleggio operativo
RISTRUTTURAZIONE D'AZIENDA
- Rating
- Basilea II
- Consulenza strategica
- Valutazione di aziende
- Gestione e Controllo
- Procedure Concorsuali
GESTIONE CONTENZIOSI
- Fallimenti : ritorno "IN BONIS"
- Recupero dell'IVA
- Contenzioso tributario
REAL ESTATE
- Multiple listing service
- Affitti: la locazione
- Affitti: aspetti fiscali della locazione
- Affitti: leggi e normative
- Progettazione d' interni
ASSICURAZIONI
- Il principio dell'assicurazione moderna
- RC Auto
- Per te e la tua famiglia
- Per il tuo lavoro
- Assicurazione del credito
FIDEIUSSIONI
- Il mercato delle fideiussioni
- Tipologia delle garanzie emettibili
- Fideiussioni per locazioni
- Fideiussioni per contratti tra privati
- Fideiussioni e cauzioni art. 107
- Fideiussioni per pagamento imposte
- Elenco dei vari tipi di fideiussione
- Il parere del Ministero del tesoro
FINANZA AGEVOLATA
- Beneficiari e settori di appartenenza
- Criteri di attribuzione
- Aiuti di stato
- Fondazioni
MERGERS & ACQUISITIONS
- A cosa serve l'Advisor
- Il processo di vendita
- Il processo di acquisizione
- Valutazione dell'azienda
- Le due diligence
- Le fees
- Codice edico M&A
INVESTIMENTI
- Mercati Forex
- PPP: Private Placement Program
- Private Trade Programs
- Private Placement Trade Program
- Mercati Azionari
- Strumenti derivati
- Hedge fund
- Obbligazioni
- Euro MTN Progamme
- Strumenti finanziari
- Documenti necessari per gli Strumenti Finanziari
CONSULENZA DIREZIONALE
- Lean organization
- La Value Stream Map
- Le 3 rivoluzioni
- Approccio SEI SIGMA
- finanza e controllo
- Società Onshore ed Offshore
- Temporary Manager
CONSULENZA AZIENDALE
- Consulenza contabile e amministrativa
- Consulenza del lavoro
- Consulenza societaria
- Consulenza tributaria
- Consulenze investigative
- Servizi di ingegneria chiavi in mano
PRIVATE EQUITY
- Seed Capital
- MBI
- MBO
- LBO
- Turnaround
- Escrow Account
- Venture capital
- Equity Program
CONFIDI
- La presenza dei confidi sul territorio
- Le garanzie del confidi
- I confidi e le banche
- Attività del confidi
FACTORING
- Lo strumento
- Vantaggi del factoring
- Costo reale del factoring
INTERNAZIONALIZZAZIONE D'IMPRESA
- Vendite e Marketing
- Logistica ed organizzazione
- Leggi e normative
- Avviamento
- Finanziamenti agevolati Simest
- Joint Venture
- Garanzie Bancarie Internazionali
FINANZA PUBBLICA
- Screening finanziario
- Rinegoziazione del debito
- Ristrutturazione del debito
- Cartolarizzazione
- Cartolarizzazione immobiliare
- Emissione di prestiti obbligazionari
- Adozione di un Euro MTN Programme
- Project Financing
RECUPERO CREDITI
- Fase giudiziale
- Fase stragiudiziale
TUTELA UTENTI DEI SERVIZI BANCARI
- Normativa antiriciclaggio
- Swap e Derivati
- Anatocismo
- Signoraggio
INCUBATORE D'IMPRESA
- Partire con risorse limitate
- I Business Angel
- Business Planning & StartUp
BtoB
- Evoluzione del BtoB
- Web marketing
- Il modello multipolare
- Servizi di videoconsulenza finanziaria
- Collective Intelligence
- Office Roaming
RISORSE UMANE
- Valutazione
- Consulenza
- Modelli organizzativi
- Gestione risorse umane
- Commerciale
FORMAZIONE
- General Management
- Marketing
- Finanza e Controllo
- Logistica e Processi Operativi
- Risorse Umane e Organizzazione
- Comportamento Organizzativo
- Project Management
- Wellness finanziario
COMUNICAZIONE    
- Pubbliche relazioni
- Uffici di rappresentanza
- Bluetooth marketing
- Strategie di marketing
ENERGIE RINNOVABILI    
- Eolico
- Il mercato delle Kioto Units
CHI SIAMO
- Brochure
- La teoria del mondo piccolo
- Finanza comportamentale
PARTNERS
- Energy Polis
- Credit Polis
UFFICI      
LAVORA CON NOI    
CONTATTACI
FRANCHISING    
- Corsi Franchising    
- Costi Franchising    
STRUTTURA NETWORK    
- Il nostro modello vincente    
- Piano d' impresa    
- Incrementi previsti    
- Made in Italy    
- Storia di una passione    
VIDEO
- Presentazione del Network
- Cos' è il Signoraggio (Prof. Giacinto Auriti)
DOCUMENTI
- Economia cognitiva
- Il bilancio
- Economia cognitiva
- Codice Deontologico
- Contratto di affiliazione al Network
- Contratto di associazione al Network
- Collaborazione Junior
- Collaborazione Senior
- Contratto di gestione del contatto
   
Posta
Utility
AREA RISERVATA

 Skip Navigation LinksFINANCIAL POLIS > SERVIZI BANCHE DATI



SERVIZI BANCHE DATI

La Centrale Rischi costituita presso la Banca d’Italia è un sistema accentrato di raccolta di informazioni riguardanti la solvenza dei clienti delle banche. Nello specifico, si tratta di un archivio nel quale vengono inseriti i dati provenienti dalle banche sui rischi dei propri clienti.

Il sistema permette agli istituti di credito di conoscere le eventuali posizioni debitorie che i clienti abbiano verso altre banche ed archivia tutti gli “insolventi”, ovvero coloro che risultano incapaci di far fronte ai debiti verso il sistema bancario per qualsiasi tipo di finanziamento.

La Centrale Rischi venne istituita con delibera 16 maggio 1962 dal CICR, Comitato Interministeriale del Credito e del Risparmio, cui sono demandate le funzioni di indirizzo politico e di alta vigilanza in materia di credito e tutela del risparmio.

Le banche devono comunicare mensilmente alla Banca d’Italia i rapporti di credito in essere nei confronti di ciascun cliente, di importo pari o superiore ai limiti di censimento definiti nella Circolare n. 139 dell’11 febbraio 1991.

In particolare le segnalazioni devono essere inoltrate quando:

  • la somma dell’accordato ovvero quella dell’utilizzato del totale dei crediti per cassa e di firma è di importo pari o superiore a 75.000 €;

  • il valore delle garanzie complessivamente ricevute dall’intermediario è di importo pari o superiore a 75.000 €;

  • il valore intrinseco delle operazioni in derivati finanziari è pari o superiore a 75.000 €;

  • la posizione del cliente è in sofferenza per crediti di importi pari o superiori a 250 €;

  • l’importo delle operazioni effettuate per conto di terzi è pari o superiore a 75.000 €;

  • il valore nominale dei crediti acquisiti per operazioni di factoring, sconto di portafoglio pro soluto e cessione di credito è pari o superiore a 75.000 €;

  • sono passati a perdita crediti in sofferenza di qualunque importo;

  • il valore nominale dei crediti non in sofferenza ceduti a terzi dall’intermediario segnalante è pari o superiore a 75.000 €;

  • sono stati ceduti a terzi dall’intermediario segnalante crediti in sofferenza di qualunque importo, salvo per quelli di importo pari o inferiore a 250 €.

Quale è quindi la condizione per essere dichiarati insolventi?

I clienti sono ritenuti insolventi quando non sono più in grado di adempiere con regolarità ai propri debiti e la loro posizione viene “passata a sofferenza” con avvio delle pratiche per il recupero coattivo.

Inoltre è opportuno distinguere il “passaggio a sofferenza” dal semplice “incaglio“. Questa seconda situazione è quella di coloro che pur trovandosi in difficoltà temporanee sono costretti a ritardare i pagamenti alla banca e pertanto alla banca medesima è rimessa la grande responsabilità di valutare e discernere in quali casi operare la segnalazione alla centrale rischi.

Il sistema bancario tende ad escludere dall’accesso al credito coloro che vengono ritenuti dei “cattivi pagatori“. Chi viene segnalato per insolvenza, non solo non avrà più accesso a nuovo credito ma si vedrà chiudere tutte le altre linee di credito già in corso, anche se esse presentano un andamento regolare.

La situazione è differente per coloro che risultano segnalati per esposizione superiore alla soglia di riferimento. In questi casi la concessione di nuovi crediti sarà approvata previa un’attenta valutazione della solvibilità del richiedente, ovvero della sua capacità di far fronte ai nuovi debiti che si sommano ai precedenti.


HOME | UFFICI | CONTATTACI | LAVORA CON NOI | AREA RISERVATA | STRUTTURA NETWORK | LINK EXCHANGE | MAPPA DEL SITO
Milano, Londra, New York P.I.: 02196960062 Cell.: 349 5017530 E-mail: info@financialpolis.it Skype: fabio.sipolino