Financial Polis:
The Power of being Global
(Skype: fabio.sipolino, Mail: poliscorporation@gmail.com , Cell.: +39 349 5017530)

ottobre 2011

Siria

by Sipolino Fabio 31. ottobre 2011 17:24

Skype Name mafiaarm
Full name Riyad
Birth date sabato 1 gennaio 1972
Age 39
Gender Male
Language English
Location Damascus, Damascus, Syria
About me aljazairi_bros@hotmail.co.uk
 D2 Diesel , Jp54 ,Mazut  ,

Tags:

Financial Polis Siria

Salvador Allende

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 03:39

Salvador Allende, presidente del Cile dal 3 novembre 1970 fino alla destituzione violenta a seguito di un colpo di stato militare appoggiato dagli USA, avvenuta l'11 settembre 1973, giorno della sua morte.
Alcuni sostengono che si tolse la vita con un fucile regalatogli da Fidel Castro, mentre altri sostengono che fu ucciso dai golpisti di Pinochet (che salì al potere dopo di lui, appoggiato dagli americani, instaurando una "bella" dittatura militare) mentre difendeva il palazzo presidenziale.
Un anno prima di morire fece questo bellissimo discorso presso la conferenza dell'Organizzazioni delle Nazioni Unite:

"Ci troviamo davanti a un vero scontro frontale tra le grandi corporazioni internazionali e gli Stati.
Questi subiscono interferenze nelle decisioni fondamentali, politiche, economiche e militari da parte di organizzazioni mondiali che non dipendono da nessuno Stato.
Per le loro attività non rispondono a nessun governo e non sono sottoposte al controllo di nessun Parlamento e di nessuna istituzione che rappresenti l'interesse collettivo.
In poche parole, la struttura politica del mondo sta per essere sconvolta.
Le grandi imprese multinazionali non solo attentano agli interessi dei Paesi in via di sviluppo, ma la loro azione incontrollata e dominatrice agisce anche nei Paesi industrializzati in cui hanno sede.
La fiducia in noi stessi, che incrementa la nostra fede nei grandi valori dell'umanità, ci dà la certezza che questi valori dovranno prevalere e non potranno essere distrutti. "

Parole queste pronunciate quasi quaranta anni fa e che si rivelano ancora oggi attualissime, dato lo scenario che abbiamo in cui istituzioni nazionali (vedi Bankitalia S.p.a.) e sovra-nazionali (vedi B.C.E., Fondo Monetario Internazionale, W.T.O., O.N.U. e multinazionali del petrolio, farmaceutiche, etc.), non elette e volute da alcun cittadino, dettano le regole che influenzano l'economia, la medicina, la legislazione e, quindi, la nostra vita senza lasciarci alcuna voce in capitolo.
I "grandi valori dell'umanità", come li definisce Allende, devono essere preservati a tutti i costi e non lasciati alla mercè di quella ristretta èlite di privati, dediti solo al perseguimento di interessi lucrativi, speculando sul lavoro, sulla disinformazione e sull'impotenza dei normali cittadini.
E' necessario informarsi sulla reale struttura del sistema socio-economico in cui viviamo, indagare quali siano le mani che fanno muovere i fili del potere e giungere ad una concreta presa di coscienza. Solo allora un cambiamento, un reale cambiamento, non sarà più ritenuto una semplice utopia.

Come diceva Thomas Jefferson (terzo Presidente degli Stati Uniti d'America):

"People should not be afraid of their governments. Governments should be afraid of their people."

"Non sono i popoli a dover aver paura dei propri governi, ma i governi che devono aver paura dei propri popoli."

Tags:

Financial Polis Italia

Cohousing

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 03:34
Avete problemi economici a trovare casa, spaventati da prezzi di affitto troppo elevati per le vostre tasche o impossibilitati a chiedere un mutuo? Non avete problemi col vicinato e anzi siete disposti a condividere beni e servizi con altre persone, senza trascurare i propri spazi privati?
Bene allora il Cohousing potrebbe fare al caso vostro!
Nasce in Scandinavia negli anni 60, ed è a oggi diffuso specialmente in Danimarca, Svezia, Olanda, Inghilterra, Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone.
Il cohousing è l’esperienza quotidiana di migliaia di persone in tutto il mondo che hanno scelto di vivere in una comunità residenziale a servizi condivisi.
Di solito un progetto di cohousing comprende dalle 20 alle 40 famiglie che convivono come una comunità di vicinato (vicinato elettivo) e gestiscono gli spazi comuni in modo collettivo ottenendo in questo modo risparmi economici e benefici di natura ecologica e sociale.
In pratica si forma un gruppo, diciamo di 20 individui, i quali partecipano direttamente alla progettazione del “villaggio” (condominio) in cui andranno ad abitare scegliendo i servizi da condividere e come gestirli. Si dividono gli spazi in comune, come salotti, cucina, bagni, garage, lavatoi, che possono essere utilizzati da tutti i cohousers, ma ognuno di loro conserva anche un proprio spazio privato e strettamente personale.
I vantaggi sono di tipo economico, perchè si risparmia sul costo della vita in quanto si riducono gli sprechi, il ricorso a servizi esterni, il costo dei beni acquistati collettivamente; e vantaggi di tipo sociale, perchè si tenta di ritrovare quelle dimensioni perdute di socialità, di aiuto reciproco e di buon vicinato. Si potrebbe usare il motto "l'unione fa la forza" e aggiungerei "...e fa anche risparmiare".
Al cohousing si uniscono i concetti del car-sharing (automobile condivisa) e dei G.A.S. (gruppo d'acquisto solidale, ossia organizzare una spesa di gruppo per risparmiare sui prodotti acquistati in quantità maggiori e attraverso scelte consapevoli per l'ambiente).
In Italia il fenomeno cohousing è ancora in fase acerba, poco conosciuto, ma esistono dei siti che tentano di promuovere questo stile di vita e provono a radunare in diverse città le persone
interessate.
In questo scenario di forte disoccupazione, perdita del potere d'acquisto della moneta, impossibilità nel contrarre un mutuo, fitti degli appartamenti spesso dalle cifre irragionevoli, questa del cohousing resta una alternativa da poter prendere in seria considerazione.


Se siete interessati all'argomento potete trovare più informazioni a questi link:
- http://cohousing.it
- www.co-housing.it
- www.cohousingnumerozero.org

Tags:

Financial Polis Italia

RBS

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 03:32

Ecco l'ennesimo caso in cui i banchieri riescono a lavarsi le mani dei loro "orrori finanziari" e far ricadere tutte le colpe sulla comunità. Ma non appena le cose migliorano ecco che si riappropriano della ricchezza.
E' il caso della Royal Bank of Scotland che era stata nazionalizzata (cedendo il 74% al Tesoro inglese) a causa di un deficit di 6 miliardi di sterline nel 2009. Ora per l'anno 2010, invece, chiude con un utile operativo positivo di 1,9 miliardi di sterline e, udite udite, i banchieri stanno preparando un piano strategico per privatizzarla, ossia farla ritornare nelle loro mani.
Siamo alle solite: per i banchieri vale la regola di nazionalizzare le perdite (quando le cose vanno male) facendo ricadere i sacrifici sulla comunità e di privatizzare gli utili (quando le cose vanno bene) per tenere i guadagni stretti nelle loro tasche.
E il tutto avviene con la complicità dei governi, che elargiscono i fondi salva-banche generati dalla pressione fiscale, ossia attraverso i soldi dei cittadini provenienti dal pagamento delle tasse.
Se il cittadino vedesse nelle imposte versate un ritorno in termini di miglioramento nei servizi pubblici offerti non sarebbe poi così grave, ma vedere i propri soldi spesi per salvare delle banche private, coprire i buchi di bilancio di queste nazionalizzandole, per poi riconcederle nuovamente ai banchieri privati quando si generano utili ecco che allora diventa per i cittadini una presa in giro.
E' come se Tizio (il banchiere) giudando ubriaco facesse un incidente con la sua auto (la banca); Caio (lo Stato=noi) compra l'auto incidentata da Tizio, la ripara dal carrozziere a sue spese ed una volta che l'auto ritorna come nuova di zecca la riconsegna nelle mani di Tizio gratuitamente.
Caio o è troppo buono o è troppo idiota da non accorgersi della truffa.

Tags:

Financial Polis Italia

Costi del Mutuo

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 03:29

Oggi sfogliavo una rivista di un'agenzia immobiliare, leggo un annuncio e provo a ipotizzare l'acquisto di una casa a Napoli (zona Capodimonte), 3 vani (2 camere, 1 soggiorno, cucina e bagno), 75 mq. al costo di € 260.000,00 .


Mi sono chiesto: ma quanto mi costerebbe comprare questa casa aprendo un mutuo?

Migliore offerta sul mercato al 3 marzo 2011 per un mutuo a tasso fisso e rate costanti:

-banca selezionata: Banco di Napoli S.p.A.
-costo immobile: € 260.000,00

-rata fissa mensile: € 1.500,81
-n° rate: 360 mensili
-durata del mutuo: 30 anni
-t.a.e.g.: 5,88%

interessi banca: € 280.292,70
quota capitale: € 260.000,00

spese varie: € 2.344,90
costo totale
del mutuo: € 542.637,60


Da questo esempio si evince che una banca (e qui parliamo della migliore offerta presente attualmente sul mercato) vi chiede PIU' DEL DOPPIO del prezzo dell'immobile per concedervi il mutuo: per una casa che costa 260mila euro vi chiede 280mila euro di quota-interessi da restituire.

Inoltre, per ottenere un prestito devi dare delle garanzie; quelle richieste generalmente sono:

- Garanzia reddituale:
E' quella di avere un reddito sufficiente per il rimborso del capitale erogato. Solitamente la rata massima che viene considerata dalla banca può oscillare tra il 35 e il 50% del reddito familiare.
- Garanzia reale:
L'altra garanzia offerta alla banca per l'erogazione del mutuo è l'immobile che si acquista sul quale viene iscritta un'ipoteca di 1° grado.
Ciò vuol dire che in caso di mancato pagamento delle rate di mutuo la banca, dopo aver sollecitato il mutuatario al rientro dei pagamenti non fatti, può cedere la pratica al suo ufficio legale per il recupero del credito fino ad arrivare alla richiesta di vendere il bene all'asta (e quindi farvi perdere la casa).
L'iscrizione ipotecaria è di norma fatta per una somma superiore all'importo di mutuo, e va dal 150% al 250% della somma richiesta.

Beh immagino che molti di voi avranno già un livello di bile elevato per il nervosismo nel leggere questi dati, ma tenetevi forte per questa altra cosa che sto per dirvi.
Le banche creano quei soldi che vi prestano DAL NULLA, senza nessun controvalore reale, semplicemente digitando quella cifra sul pc del loro computer.
Sapete come fanno?
Semplice, utilizzano la RISERVA FRAZIONARIA: ossia la percentuale dei depositi bancari che per legge la banca è tenuta a detenere sotto forma di contanti o di attività facilmente liquidabili, ossia l'insieme delle poste contabili che, in percentuale rispetto ai depositi, un istituto di credito non può erogare.
In europa abbiamo una riserva fazionaria al 2% come stabilito dall'articolo 4 del regolamento 1745/2003 della BCE.
Questo significa che se andate in banca a depositare 1000 euro sul vostro conto, la banca ha l'obbligo di "conservare in cassa" solo il 2% di quella cifra, ossia 20 euro e prestare il restante 98%, ossia 980 euro a chi volesse un prestito.
Si parla anche di "moltiplicatore bancario" perchè a fronte di una percentuale di riserva pari al 2% la banca può arrivare a prestare fino a 50 volte tanto: da un deposito di 100,00€ genera 5.000,00€, creando 4.900,00€ dal nulla.

Quali sono le conseguenze di questo giochetto del deposito-prestito connesso alla riserva frazionaria delle banche:
- creano denaro ex-nihilo
- pretendono dall'acquirente garanzie pari a 3 volte tanto l'ammontare del prestito richiesto
- pretendono una quota interessi pari\superiore alla quota capitale (es.: chiedi in prestito 100 ma ti indebiti per 200)
- indebitano l'acquirente di un immobile a lavorare per 1/3 della sua giornata per 20-30-40anni della sua vita per pagare le singole rate del mutuo (sperando sempre che questo abbia un lavoro e un tenore di vita che gli permetta il pagamento di ogni singola rata fino all'estinzione del debito)
- qualora l'acquirente non riuscisse più a pagare le rate del mutuo, le banche si impossessano della casa e la vendono all'asta, lasciando l'acquirente senza nulla in mano.

Questo è solo un aspetto del nostro sistema bancario, in cui le protagoniste (le banche) schiavizzano i cittadini, in maggioranza ignari del reale funzionamento dei meccanismi bancari e monetari.
Il colmo è che l'acquirente sembra essere quasi grato all'operatore di banca che gli concede il prestito, senza sapere che si sta indebitando per 30anni della sua vita offrendo il sacrificio del suo lavoro, i suoi risparmi, il suo tempo, il tutto in cambio di una cifra digitata su un computer.

La riserva frazionaria (signoraggio secondario) è uno dei motivi per cui:
1) se tutti i correntisti di una banca X si recassero allo sportello per pretendere tutto il denaro sul proprio conto la banca non li avrebbe, semplicemente perchè tutto quel denaro depositato NON ESISTE nelle casse della banca.
Provate a chiedere al vostro direttore di banca: "che succede se domattina tutti i correntisti di questa filiale si mettono in fila e vogliono riscuotere il proprio denaro?"; son sicuro che vi darebbe una risposta vaga ed imbarazzata, ammesso che vi risponda!
2) da ciò si spiega la spinta sempre maggiore a proporre conti correnti online gratis e carte di credito\debito in regalo, perchè si vuole gestire tutto il denaro elettronicamente in maniera molto più agevole per le banche, abolendo del tutto il denaro cartaceo.

Se volete approfondire l'argomento cercate in rete: signoraggio primario, signoraggio secondario, riserva frazionaria.



Tags:

Financial Polis Italia

Assegno Universale

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 03:21

L'assegno universale designa il versamento di un reddito unico a tutti i cittadini di un Paese, a prescindere dalle loro entrate, dal loro patrimonio o statuto professionale. Tale reddito permetterebbe a ognuno di soddisfare i propri bisogni primari (nutrimento, abitazione, vestiario o taluni beni culturali di base) e lascerebbe l'individuo libero di condurre la sua vita come meglio crede. Questo assegno dovrebbe permettere a ogni persona di perseguire le sue attività non commerciali nell'ambito della vita associativa e di creare ricchezze non valutabili in termini monetari, utili alla ricomposizione del tessuto sociale, ossia a stabilire un rapporto non commerciale con i suoi simili. Per quanto riguarda il singolo cittadino, questo reddito di base assegnato a ogni individuo per il solo fatto che esiste, calcolato sulla base della ricchezza prodotta dal Paese e cumulabile con gli altri redditi da attività lucrativa, si sostituirebbe ai redditi di trasferimento esistenti. Per la collettività, questo nuovo modo di distribuzione del reddito, perfettamente trasparente e semplice da applicare e da controllare, assicurerebbe un'uguaglianza perfetta fra tutti i cittadini. Ne concretizzerebbe l'appartenenza alla comunità umana ed esprimerebbe il riconoscimento della dignità di qualsiasi persona. La sua accumulazione con gli altri redditi sopprimerebbe lo svantaggio delle soglie di povertà senza peraltro costituire un disincentivo al lavoro, dato che qualsiasi attività remunerata genererebbe un reddito supplementare.

Tags:

Financial Polis Italia

Ordine Esecutivo 11110

by Sipolino Fabio 30. ottobre 2011 02:56

Il 4 giugno 1963, il presidente JF Kennedy firmò l'ordine esecutivo 11110, che conferiva al governo USA il potere di emettere moneta senza passare attraverso la Federal Reserve garantendo le proprie emissioni attraverso le riserve federali di argento e creando dunque un sistema bimetallico. Presso la Corte Suprema non furono sollevati quesiti di anticostituzionalità contro questo provvedimento, mai revocato dai successivi presidenti degli Stati Uniti.

Kennedy introdusse una moneta di Stato convertibile e garantita da depositi di argento. Tale moneta era emessa a costo zero per lo Stato, senza generare debito pubblico.

L'ordine dava al Ministero del Tesoro il potere "di emettere certificati sull'argento contro qualsiasi riserva d'argento, argento o dollari d'argento normali che erano nel Tesoro". In tutto, Kennedy mise in circolazione banconote per 4,3 miliardi di dollari. Dopo cinque mesi dall'assassinio, fu interrotta l'emissione di monete del tesoro garantite da argento, e l'ordine esecutivo 11110 cadde in disuso...

ma non è mai stato  annullato.

Tags:

Financial Polis Italia

Financial Polis Connecticut

by Sipolino Fabio 29. ottobre 2011 05:19

Skype Name vci.llc
Full name thomas duffy
Mood business book publisher venture capitalist and Author
Birth date domenica 11 agosto 1957
Age 54
Gender Male
Language English
Location new milford, ct, United States
Home +18603504440
Office +18603504440
Mobile +12037759999
Website http://www.venturecapital-advisors.com
Contacts 195
About me Ceo services ,advisory vc & pe  business growth,incubator, federal state &foundation grant consultations for businesses and non-profits

Tags:

Financial Polis USA | Financial Polis Connecticut

LE 6 LEGGI REGALA-SOLDI ALLE BANCHE

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 16:42

LE 6 LEGGI REGALA-SOLDI ALLE BANCHE
Sono 6 le leggi, 4 delle quali recentissime, con le quali sono stati regalati alle banche centinaia di
miliardi di euro annuali. E poiché (non so se stupisce) nessun partito si è opposto, non resta che il
referendum.
-La più recente è il DL n. 70\13.7.2011 ('decreto sviluppo'), art. 8, secondo cui l'usura, che prima
scattava quando il tasso medio veniva superato del 50%, scatta ora quando viene superato di 8
punti, o anche del 25% + 4 punti. Due criteri il secondo dei quali è in realtà 'fumogeno' (serve a
confondere), perché è un po' più vantaggioso per i cittadini solo con tassi molto alti, tipo 20%,
come quelli dei crediti al consumo. Ma per fare invece l'esempio che interessa il maggior numero di
italiani, nei mutui a tasso variabile, ora in media del 2,79%, prima, per verificarsi l'usura, la banca
doveva praticare il 4,18%, mentre ora il 10,79%. Anche se, secondo la Banca d'Italia (un'illecita
azienda privata di proprietà di quelle stesse banche che finge di controllare), andrebbe applicato il
criterio del 25% + 4 punti, per cui l'usura sui mutui inizierebbe 'solo' dal 7.48%, contro il 4,18% di
prima. Una posizione questa anch'essa rivolta a confondere, nel senso che Banca d'Italia ha per il
momento indicato il criterio del 25% + 4 punti sapendo però che, di fatto, in sede penale, ove
occorra, le banche hanno sempre la possibilità di difendersi invocando il criterio del +8%. Un
innalzamento che, ora che la barriera del 'tasso soglia' è stata comunque elevata, innescherà un
aumento strisciante del costo del denaro, e che serve inoltre alle banche per evitare le condanne per
usura, da ultimo sempre più frequenti.
-La seconda è la L. n. 10, art. 2, comma 61, del 26.2.11, con cui, in contrasto frontale con decenni di
giurisprudenza anche delle Sezioni Unite della Cassazione, si è stabilito che la prescrizione
decennale nelle cause contro le banche, che decorreva dalla chiusura del conto corrente, ora
decorra dall'annotazione dell'operazione. Significa che, ad esempio, in relazione a un conto durato
venti anni e chiuso nove anni fa potevi recuperare tutto, mentre ora puoi recuperare solo un anno,
ovvero solo le somme di cui la banca si è indebitamente appropriata tra oggi e dieci anni fa.
-La terza è il D. Lgs n. 11 del 27.1.2010 con il quale – ora che si stavano vincendo le cause sulla
'valuta zero', cioè sull'accredito immediato dei versamenti – è stato stabilito l'accredito al terzo
giorno. Una guerra iniziata invero proprio da me nel 1980 (ottenendo il primo risultato positivo nel
2004) in base al semplice argomento che se Tizio dà a Caio un assegno di 1.000 euro il primo
gennaio, e Caio lo versa subito sul suo conto, i 1.000 euro vengono stornati a Tizio il primo gennaio
e accreditati a Caio dopo alcuni (o molti) giorni, sicché, nell'intervallo, gli interessi vanno alla banca,
che non è mai stata proprietaria dei soldi.
-La quarta è il D Lgs 4.8.99, n. 342, art. 25, con cui si è stabilito che l'anatocismo (addebito
trimestrale anziché annuale degli interessi) è legittimo purché venga praticato anche all'attivo,
'dimenticando' però l'enorme differenza tra tassi attivi e passivi. Una 'amnesia' che ha colpito anche
la Corte Costituzionale vanificando la sentenza in cui si dilunga a illustrare la legittimità del
'pareggiamento' senza però aggiungere (lo ha dato per scontato?) che sarebbe occorso anche il
'pareggiamento' quantitativo dei tassi. Una 'amnesia' che, dal 22.4.2000, data di entrata in vigore di
questo regime, al 31.12.2010, con un tasso attivo medio dell'0,87% e un tasso passivo medio del
13,32 (10,08% + lo 0,81% trimestrale = 3,24% annuo di commissione di massimo scoperto), ha
causato – per ogni 100.000 euro – in dieci anni, un guadagno per i correntisti di 427 euro, ma un
guadano per le banche di 203.576 euro.
-La quinta è il decreto legislativo 385 del 1993, art. 50, con il quale si è stabilito che è sufficiente
una dichiarazione del direttore della banca (quindi 'di parte') per far diventare «certa, liquida ed
esigibile» la somma scritta in fondo a un qualsiasi estratto conto bancario. Con la conseguenza, ove
si rompano i rapporti, che la banca, anziché dover iniziare un giudizio civile con citazione, cosa che
ti consentirebbe di difenderti adeguatamente, può depositare un ricorso per decreto ingiuntivo:
decreti ingiuntivi che spesso i giudici (sempre larghi di manica con le banche per motivi meglio noti
a loro) rilasciano in forma esecutiva, sicché la banca può subito pignorarti quello che hai. Una
norma assurda (solo le banche possono 'autocertificare' i propri crediti), oggi divenuta grottesca
perché quasi tutte le voci dell'estratto conto sono ormai oggetto di censura giurisprudenziale, per
cui si sa a priori che il saldo, all'esito dei giudizi, risulterà errato.
-La sesta è l'art. 2 bis, comma 1, legge n. 2 del 28.1. 2009, con il quale il nostro incredibile
'legislatore', siccome la commissione di massimo scoperto, che in passato vigeva praticamente per
prassi, è stata oggetto di clamoroso e generalizzato superamento giurisprudenziale, anziché
prenderne atto e vietarla, l'ha ri-introdotta per legge, per di più raddoppiandola quasi.

Tags:

Financial Polis Italia

Financial Polis Minnesota

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 08:30

Skype Name perrywilliam49
Full name perrywilliamson
Mood 989-846-4667
Gender Male
Language English
Location MI, United States
Home 1-989-846-4667
Contacts 334
About me Hello,
I love meeting people from all over the world. I do networking and other investing type work.

Tags:

Financial Polis Minnesota | Financial Polis USA

Andrew Williams Jr ------------------------ California

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 02:06

Skype Name andrew.williams.jr
Full name Andrew Williams Jr
Mood I need gold dust or dore bars delivered to UK for payment http://www.slideshare.net/andrewwilliamsjr/gold-procedures-uk-delivery-cif parxtc@gmail.com
Birth date giovedì 24 aprile 1958
Age 53
Gender Male
Language English
Location Beverly Hills, California, United States
Office +18888028599
Mobile +14242221997
Website http://andrewwilliamsjr.blogspot.com/
Contacts 520
About me Andrew Williams, Jr. is a mature, intelligent, and personable professional, possessing both high-tech and people skills.

Tags:

Financial Polis California

Celso Anaruma ------------------------ Brasile

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 02:04

Skype Name celso.anaruma
Full name Celso Anaruma
Mood www.emporiobrasileiro.com www.transpobanca.com e www.centraldecargasbrasil.com.br fazem parte do nosso grupo de empresas
Birth date sabato 5 marzo 1960
Age 51
Gender Male
Language Italian
Location Cuneo, CN, Italy
Office +551146079547
Mobile +551185038815
Website http://www.emporiobrasileiro.com
Contacts 426

Tags:

Financial Polis Brasile

Bekim Rexhaj ------------------- Belgio

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 01:59

Skype Name bekimrexhaj
Full name B e k i m
Mood Banking Services & Buy- Sell, BG-MTNs- Au- Gold Stones, Currency Exchange etc.We have no interest in broker's proposal - Only Principal offert.. Thank you ....
Birth date sabato 24 giugno 1972
Age 39
Gender Male
Language English
Location Flanderen, Belgium
Mobile +32472558367
Website http://www.metalsfinance.com
Contacts 1315

Tags:

Financial Polis Belgio

Natalya Tsyganchuk ---------------------- Bahamas

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 01:57

Skype Name bahamiannatalya
Full name Natalya Tsyganchuk
Mood "Great minds discuss ideas, average minds discuss events; small minds discuss people.”
Birth date giovedì 13 febbraio 1958
Age 53
Gender Female
Language English
Location Nassau, Bahamas
Mobile +18134079796
Website www.theuniversaldestination.net
Contacts 544
About me Born in Far East of Russia, studied in Kazakhstan, lived in Cuba & Canada, nowadays I am residing in The Bahamas. Founder of Nassau Sports Academy and The Universal Destination, organizations speciali

Tags:

Financial Polis Bahamas

Partner ----------------------------------- Angola

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 01:54

Skype Name petroranene
Full name OUR BUSINESS HISPANO-ANGOLA
Birth date domenica 14 ottobre 1917
Age 94 and a bit more
Gender Male
Language Spanish
Location Málaga, Spain
Website http://www.nsdespana.com
About me OUR BUSINESS HISPANO-ANGOLA,SL
En calidad de representante arriba indicada, me dirijo a ustedes para ofertarles la posibilidad de introducir su negocio en ANGOLA cuya economía esta en crecimiento

Tags:

Financial Polis Africa | Financial Polis Angola

JamesW.Harris -------------------- Financial Polis Alabama

by Sipolino Fabio 28. ottobre 2011 01:49

Skype Name yomula
Full name James W. Harris
Mood I'm back on the Job... Now who needs what?
Birth date giovedì 8 marzo 1990
Age 21
Gender Male
Language English
Location United States
Office +17085482143
Contacts 1268
About me Blessed is he who serve the Lord: Send me your Authenticated
Validated and Verified Instruments as we have real Clients in need!

Tags:

Financial Polis USA | Financial Polis Alabama

Rolandd Penker --------------------------- Austria

by Sipolino Fabio 26. ottobre 2011 13:52

Nome Skype: roland.penker
Nome completo: Roli
Messaggio personale: Hallo NEU!!!  2010 TÜV-ZERTIFIZIERT                                    www.meinneuerplan.com u. www.juiceplus.com/+penker07554
Data di nascita sabato 14 settembre 1974
Età 37
Sesso Maschio
Lingua Tedesco
Luogo Villach, Kärnten, Austria
Cellulare +436505775570
Homepage: www.juiceplus.com/+penker07554
Contatti: 13

Tags:

Financial Polis Austria

Contratto di Locazione

by Sipolino Fabio 22. ottobre 2011 08:34

Tags:

Financial Polis Italia

Progetto Internazionale per la Redistribuzione del Reddito

by Sipolino Fabio 22. ottobre 2011 05:47
Progetto Internazionale per la Redistribuzione del Reddito

Tags:

Financial Polis Italia

La querela è prevista dagli artt.336 e 340 del Codice di Procedura Penale

by Sipolino Fabio 21. ottobre 2011 03:36


"La querela è prevista dagli artt.336 e 340 del Codice di Procedura Penale e riguarda i reati non perseguibili d'ufficio per i quali invece è prevista la denuncia. Si tratta della dichiarazione con la quale la persona che ha subito il reato (o il suo legale rappresentante) esprime la volontà che si proceda per punire il colpevole. Non sono previste regole particolari per il contenuto della querela; è necessario però che ci sia la descrizione del fatto-reato, e che risulti chiara la manifestazione di volontà del querelante che si proceda in ordine al fatto e se ne punisca il colpevole" - dal sito POLIZA DI STATO .
Ora, se una persona copia ed incolla una notizia presa da un giornale che trova interesante, sia che sia a sfondo politico o satirico o altro, oppure, di sana pianta, decide di scrivere un articolo su idee personali, e quindi discutibili, ma su fatti REALMENTE accaduti, può esser querelato ?
Assolutamente NO!
La querela pone le basi su prove concrete, non ipotizzate dall'accusa o dal suo legale.

Financial Polis NON CREA AD ARTE UNA FALSA NOTIZIA PER LENIRE L'INTEGRITA' MORALE E LAVORATIVA DI ALCUNA PERSONA

Tags:

Financial Polis Italia

Powered by BlogEngine.NET 1.5.0.7
Theme by Mads Kristensen

Open Practise

Category list

Page List

Tag cloud

Calendar

<<  luglio 2017  >>
lumamegivesado
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456

View posts in large calendar

Ing. Fabio Sipolino

Mobile: +39 3456990317

 

Skype: fabio.sipolino1

 

Mail:poliscorporation@gmail.com